PRClick

Viral Marketing - Piu' traffico per il Tuo Sito!

sabato 14 aprile 2012

Scoperti in un'antica grotta dei batteri resistenti ai farmaci

Nelle profondità di una grotta incontaminata del New Mexico, alcuni microbiologi hanno scoperto un centinaio di batteri resistenti anche ai più recenti farmaci antibiotici. Questi nuovi ceppi di batteri, che fino ad ora non erano mai entrati in contatto con esseri umani o farmaci moderni, ricoprono le pareti del sistema di gallerie sotterranee di Lechuguilla, che si snoda a più di 400 di metri di profondità. Una spessa coltre di roccia tra i i 4 e i 7 milioni di anni fa ha infatti sigillato la cavità isolandola da ogni contatto esterno, e l’acqua impiega circa 10 mila anni per raggiungere la base della grotta. Sebbene non siano patogeni, questi batteri hanno dimostrato di essere resistenti ad un ampio spettro di farmaci antibiotici. Questa scoperta potrebbe quindi offrire nuove prospettive per la comprensione dei meccanismi di sviluppo della resistenza agli antibiotici. “I medici si pongono questo problema da molto tempo. Quando viene introdotto un nuovo antibiotico, inevitabilmente si sviluppa una resistenza al farmaco nel giro di mesi o anni”, spiega uno degli autori della ricerca Gerry Wright, microbiologo della McMaster University (Ontario, Canada). “ Ma da dove arriva questa resistenza? Fino ad ora nessuno aveva ancora pensato di studiare i batteri che non causano malattie nell’uomo”.
Il sistema di grotte e gallerie di Lechuguilla è uno dei  più profondi ed estesi del New Mexico, e con i suoi 290 km di gallerie mappate è la settima grotta più estesa del pianeta. Nel 1984 gli speleologi iniziarono a scavare tra le macerie di un vecchio pozzo minerario, riuscendo a individuare l’ingresso della grotta, e nel nel 1986 svelarono finalmente uno degli ultimi ambienti vergini della Terra. Il National Park Service degli Stati Uniti limita rigorosamente gli ingressi nella grotta, ma nel 2008 ha acconsentito che Hazel Barton, microbiologa della Northern Kentucky University vi prelevasse alcuni campioni di batteri. “Hazel ha potuto prelevare i suoi campioni in aree che non sono mai state toccate da nessun essere umano. La grotta è talmente incontaminata che si può veder esattamente dove le persone sono passate. Bisogna fare un grosso sforzo di immaginazione per pensare che questi luoghi siano entrati in contatto qualcosa di esterno”, ha spiegato Wright. I campioni di biofilm (patina di microrganismi) prelevati da Barton sono stati poi studiati per tre anni dal team di Wright, alla ricerca di un qualsiasi segno di resistenza antibiotica. I cosiddetti “superbatteri”, i batteri patogeni che sviluppano una resistenza agli antibiotici, sono sempre di più e normalmente compaiono negli ospedali e negli allevamenti, dove l’uso di antibiotici è largamente diffuso. In questi ambienti, infatti, una forte pressione evolutiva spinge i microbi a sviluppare molto rapidamente la resistenze ai farmaci. Ma è il modo in cui ciò avviene che è frustrante, spiega Wright, visto che secondo alcuni studi sarebbero stati necessari migliaia o addirittura milioni di anni affinché i geni che regolano la resistenza agli antibiotici potessero emergere. Il modo con cui i batteri si scambiano materiale genetico in natura potrebbe però risolvere il paradosso. Molti microbiologi sospettano, infatti, che i batteri non patogeni non siano altro che un vasto bacino dal quale provengono i geni della resistenza agli antibiotici che vengono trasmessi ai batteri patogeni: “Al momento questa è solo una tesi, cioè che questi organismi benigni siano in realtà alla base delle resistenze ai farmaci. Ne esistono così tanti, che i geni si possono muovere orizzontalmente nelle diverse popolazioni batteriche attraverso la riproduzione sessuale, o da virus o per assorbimento degli scarti genetici”..(CONTINUA)
fonte:http://www.nationalgeographic.it/scienza/2012/04/14/news/batteri_resistenti_ai_farmaci_in_un_antica_grotta-967979/

Nessun commento: