PRClick

Viral Marketing - Piu' traffico per il Tuo Sito!

giovedì 8 marzo 2012

Intervista a Tito Boeri: Quanto costa discriminare? (DonneSulWeb)


Moralmente da respingere, eticamente inaccettabili. Ma non basta. I costi economici delle discriminazioni sul lavoro - di genere, di orientamento sessuale o nei confronti di minoranze etniche e culturali - sono altissimi. Parola di Tito Boeri. L'economista, professore presso l'Università Bocconi, dirige la Fondazione Rodolfo De Benedetti, che per la prima volta in Italia ha messo in cantiere una ricerca scientifica sulle discriminazioni nel mercato del lavoro. "Abbiamo voluto esaminare le varie dimensioni del fenomeno - spiega Boeri-. Da quelle nei confronti delle donne a quelle che provocano una segregazione delle minoranze". Il progetto è stato diviso in due tronconi. Con il primo i ricercatori della Fondazione hanno esaminato il percorso di un campione di 4500 liceali milanesi, nel loro passaggio dalla scuola secondaria al mercato del lavoro, in una fascia d'anni che va dal 1985 al 2010. Con il secondo troncone della ricerca sono stati inviati 2.500 falsi curriculum a strutture pubbliche e private e ad agenzie di intermediazione: tutti simili, con alcune differenze per quanto riguarda il genere o l'orientamento sessuale, per sei diversi profili professionali. "In ogni curriculum abbiamo inserito anche una foto - prosegue -, per capire come viene tenuto in considerazione l'aspetto fisico".
Quali sono le novità delle ricerca?
Le novità sono due. Nel primo caso abbiamo esaminato anche il percorso scolastico. Con il secondo filone di ricerca abbiamo fatto per la prima volta nel Paese un'indagine a largo raggio. Volevamo capire come le competenze e le conoscenze sono riconosciute dal mercato in relazione al genere, alla razza, all'etnia e all'orientamento sessuale. Il nostro obiettivo era quello di esaminare il fenomeno delle discriminazioni nel modo più completo. Presenteremo i risultati in giugno. 
Sotto il profilo economico quanto costano alla società le discriminazioni?
I costi economici sono altissimi, perché vengono escluse dal mercato del lavoro fasce di popolazione che potenzialmente possono dare un grande contributo alla collettività. Il dato più clamoroso è quello che riguarda le donne, tra le quali la percentuale di laureate è di un terzo superiore a quella degli uomini. Sono più istruite. Ma sappiamo - e ce lo dice il tasso di disoccupazione femminile - come sia difficile per le donne inserirsi nel mercato del lavoro. Un'intera fascia di popolazione viene sistematicamente esclusa...(CONTINUA)
di natascia ronchetti (Donne sul Web)

Nessun commento: