PRClick

Viral Marketing - Piu' traffico per il Tuo Sito!

mercoledì 4 gennaio 2012

Video porno e botte: così il giocatore va a meta


Promod.it - Shopping online
Un film porno aiuta a segnare una meta? Forse. Il sesso (e le botte) fanno bene allo sport, perlomeno a un certo tipo di sport: guardare video di atti erotici o aggressivi, prima di una gara, migliora le prestazioni fisiche dei giocatori di rugby, afferma uno studio scientifico pubblicato nel Regno Unito. L'esperimento ha verificato che quando giocatori di una squadra professionistica del campionato di rugby inglese guardano un video di quattro minuti in cui si vedono danzatrici esotiche senza veli o combattimenti di arti marziali, il loro livello di testosterone e la loro potenza fisica crescono considerevolmente. Condotto dalla Uk Sport, una società che fornisce materiale scientifico alla squadra olimpica del Regno Unito, e in corso di pubblicazione sulla rivista "Hormones and Behaviour", il rapporto ha analizzato le prestazioni di 12 giocatori di rugby professionisti (di cui non viene rivelata l'identità). A ciascuno di essi, prima di sedute di allenamento, venivano mostrati video di diverso tipo: umoristici, tristi (bambini affamati in Africa), erotici e di arti marziali. Campioni di saliva prelevati dai partecipanti al test hanno registrato un significativo aumento dei livelli di testosterone dopo la visione dei filmati erotici o aggressivi. Il livello di testosterone era invece sensibilmente calato dopo la visione del video in cui si vedono i bambini che muoiono di fame in Africa. Negli esercizi svolti subito dopo in allenamento, lo staff tecnico della squadra ha riscontrato un effettivo miglioramento delle prestazioni dei giocatori che avevano visionato video porno o aggressivi. E gli stessi giocatori, interpellati dagli autori dello studio, hanno affermato di essersi sentiti più in forma dopo la visione dei filmati erotici o aggressivi. "Il testosterone è un ormone che fa sentire bene e la maggior parte degli uomini ne sentono gli effetti", afferma Cristian Cook, professore di medicina sportiva all'Imperial College di Londra, interpellato dal Times, "quei giocatori di rugby giocano meglio perché si sentono fisicamente meglio". Già da tempo del resto alcuni allenatori, nel rugby come in altre discipline, fanno uso di video "motivazionali" di questo genere per aiutare i loro atleti a ottenere migliori prestazioni, affermano gli scienziati che hanno svolto l'esperimento. "Il rugby è uno sport combattivo", osserva Scott Drawer, capo del dipartimento ricerche della Uk Sport, "e mettere un giocatore nello stato mentale migliore è decisamente importante ai fini della sua prestazione in campo".
di enrico franceschini
FONTE: http://www.repubblica.it/rubriche/la-storia/2012/01/02/news/sesso_rugby_sport-27496488/

cheap calls

Nessun commento: