PRClick

Viral Marketing - Piu' traffico per il Tuo Sito!

venerdì 11 novembre 2011

Tumore al seno: scoperta la molecola

Le cellule staminali tumorali, si sapeva da tempo, sono le responsabili dell'evoluzione aggressiva di un tumore e della sua rigenerazione, perché resistenti alla chemioterapie e dure a morire. Finora questa era solo teoria, la descrizione di un fenomeno, non la sua spiegazione. Oggi, grazie a una ricerca condotta dal gruppo di studio del professor Stefano Piccolo all'Università di Padova, sappiamo qual è la molecola responsabile dell'evoluzione delle cellule tumorali in staminali. Una scoperta che potrebbe cambiare molte cose e che viene presentata per la prima volta, con la pubblicazione sulla prestigiosa rivista Cell, in occasione della giornata per la ricerca organizzata dall'Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc).
Taz è una via di segnale che normalmente controlla, nell'embrione, la dimensione degli organi. Ma nelle cellule tumorali, la sua funzione degenera. "I tumori - sostiene Piccolo - non sono ammassi di cellule senza connessioni con l'organo in cui crescono. Sono invece molto più assimilabili ad organi, sebbene abberranti. Sembrano infatti ripercorrere le stesse strade che un organo compie per rigenerare le ferite e garantirsi lunga vita". Proprio come le cellule staminali diventano aberranti, anche l'azione di Taz diventa incontrollata nel cancro.Questa scoperta, oltre a fornire nuove possibilità terapeutiche, apre importanti scenari di ricerca. Ai ricercatori di Padova ora restano da dimostrare molte cose. A monte, cosa provochi questo cambiamento di polarità nella cellula, a valle come faccia Taz a rendere staminale e metastatica la cellula tumorale. "Abbiamo appena cominciato - conclude Piccolo - a definire i tratti genetici che caratterizzano la staminalità delle cellule. La nostra scoperta apre strade importanti in molti campi, primo fra tutti quello terapeutico, di immediato interesse per i pazienti".
L'Associazione Italiana per la ricerca sul cancro proporrà quest'anno, nella sua giornata dedicata alla ricerca, l'11 novembre, le conoscenze acquisite negli ultimi anni, in particolare grazie al sequenziamento del genoma e alle innovazioni tecnologiche. "La ricerca non si è fermata in laboratorio - scrivono - numerose scoperte hanno già avuto un'applicazione clinica, in termini diagnostici e terapeutici. Ma non basta: questi dieci anni ci hanno insegnato come potremo progredire nei prossimi dieci, tracciando le linee di ricerca del futuro".
FONTE: http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2011/11/11/news/scoperta_su_staminali_tumorali-24780825/

Nessun commento: